Andrea Lazzari

Andrea Lazzari

Nato a Venezia nel 1972. Dal 1996 terminati gli studi di progettazione e disegno industriale si occupa di progettazione di lampade per interni. Nel 1999 inizia a collaborare con prestigiose aziende nel sottore dell’illuminazione firmando le sue prime collezioni di successo. Nel 2002 fonda WORKS STUDIO iniziando così un nuovo percorso professionale da free lance. Dal 2005 svolge un’attività di art direction e product manager per alcuni brands del settore illuminazione. Si occupa di industrial design, grafica e packaging. Progetta inoltre stand e show room per manifestazioni fieristiche nazionali ed internazionali. Ha ricevuto molteplici pubblicazioni sulle più importanti riviste nazionali ed internazionali, come Domus, Interni, Ottagono, Casaviva, Elle Decor, Abitare, GdA, ed altre ancora.

Prodotti di Andrea Lazzari

  • Free
    Itama Light 4 Jam So2
    Itama Light 4 Jam So2

    Jam

    JAM è una sospensione composta da un paralume a fasce di metallo realizzato con la tecnica del laser 3D, che dona precisione al movimento delle curve, sovrapposto da un tronco di cono che gli dona stabilità, creando delle geometrie ornamentali. La fonte luminosa è nascosta nella parte superiore, realizzando un interessante contrasto tra vuoti e pieni. La lampada è sostenuta da tre cavi in acciaio che ne permettono la regolazione in altezza. Sono molteplici le possibilità di utilizzo della lampada JAM, la cui fonte luminosa può essere utilizzata a scelta verso il basso o verso l’alto, oppure usufruendo della doppia accensione, donando al prodotto un carattere ancor più volubile e prezioso. L’elegante metallo di JAM viene fornito in due diverse finiture ossia il moderno bianco che rimanda alle forme pulite e moderne e il bronzo che ci riporta agli archetipi strutturali dei prodotti classici. La collezione è disponibile in due misure: diametro 45 cm e diametro 30 cm. La fantasia che caratterizza JAM è ulteriormente dimostrata dalla versione SPHERE composta da due paralumi a fasce posizionati l’uno speculare all’altro creando così una forma sferica che accentua ancora di più i giochi di luce creati dalle scomposizioni del solido.

    Stay up to date:

    LIGHT4